#donneINmovimento

Febbraio - Settembre 2022 

Descrizione del Progetto

Il Progetto sviluppato dalla ASD VIGOR Calcio Femminile, #donneINmovimento, risultato idoneo all’approvazione del programma “SPORT DI TUTTI – INCLUSIONE” promosso dalla società Sport e Salute S.p.A. e realizzato in collaborazione con le Federazioni Sportive Nazionali (FSN), nasce con l’idea di porre l’attività sportiva a sostegno dell’emancipazione femminile e della promozione di una cultura inclusiva e rispettosa delle diversità proponendosi, attraverso la diffusione del calcio femminile ma non solo, di contribuire concretamente al superamento di  stereotipi radicati nella nostra società che possono costituire la motivazione per situazioni di emarginazione, discriminazione o addirittura violenza. Questi fenomeni trovano ancora spesso uno spazio di tolleranza, se non di legittimazione, all’interno di modelli culturali, familiari e sociali che il mondo sportivo, in collaborazione con le agenzie educative del territorio, può contribuire in misura significativa a superare anche evitando, seppur involontariamente, di replicarli.

Il Progetto si inserisce infatti in uno scenario sociale caratterizzato da sostanziali pregiudizi che considerano il calcio come uno sport prettamente maschile e che vedono ancora nella pratica sportiva in generale notevoli differenze sociali tra uomini e donne, in termini di mancato accesso agli spazi ricreativi, culturali e sportivi.

In risposta a queste problematiche, #donneINmovimento prevede la realizzazione di attività sportive GRATUITE rivolte a tutte le donne di ogni fascia di età, con una particolare attenzione a bambine e ragazze in condizione di fragilità psico-sociale, disabilità o a rischio di povertà educativa. Lavorando in stretta sinergia con i servizi sociali e gli enti del Terzo Settore del territorio, infatti, verranno prioritariamente coinvolte nelle attività giovani che spesso hanno minore accesso all’attività sportiva che può invece offrire loro uno spazio alternativo e positivo rispetto ai contesti di provenienza.

Ragazze e ragazzi settimanalmente saranno coinvolti nella Attività sportiva di Calcio di Strada (Grassroots).

Questa attività sportiva sarà integrata da interventi educativo-ricreativi di tipo extra-scolastico (Centri Estivi), sempre rivolti alle generazioni più giovani, che rappresenteranno un’importante occasione di avvicinamento alla pratica sportiva per bambine/i e ragazze/i, rafforzando la funzione del Centro Sportivo Vigor Calcio Femminile come presidio territoriale per la promozione di opportunità di relazione, per la crescita, fisica ed etica, per il riconoscimento dei valori di rispetto per sé e per gli altri, cooperazione, accettazione della sconfitta, in funzione preventiva rispetto a fenomeni di disagio giovanile e povertà educativa.

Durante i centri estivi saranno inoltre organizzati dei laboratori inclusivi grazie al prezioso contributo dell'Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, che aiuterà a sensibilizzare l'attenzione dei più giovani sugli aspetti percettivo-cognitivo-motori che rappresentano un elemento fondamentale nel processo di sviluppo e di maturazione di abilità differenti. Tale collaborazione è inoltre volta ad animare e sensibilizzare il territorio sulle problematiche delle persone con disabilità e delle loro famiglie e a favorirne l’integrazione nel tessuto sociale. Nell’ottica di valorizzazione e integrazione delle opportunità offerte dal territorio il progetto promuove anche la collaborazione con l’ASD Crazy Horse Equestre, realtà affermata sul territorio, a poche centinaia di metri di distanza dal Centro Sportivo, per la proposta di attività di avvicinamento all’equitazione da parte di bambini e ragazzi.

Il progetto vuole inoltre rivolgersi anche agli adulti, proponendo attività motorie e sportive (Yoga e Posturale, Pomeriggio InForma Total body, Vigorose Calcio a 5), che possano risultare particolarmente utili ed efficaci per sviluppare l’attenzione e la cura per il proprio corpo ed un sano equilibrio emotivo e psicologico, nel rispetto e nella promozione delle diverse dimensioni della salute.

Il progetto intende promuovere il centro sportivo anche come luogo di incontro e socializzazione per tutta la cittadinanza, integrando all’offerta degli spazi per il tempo libero l'organizzazione di eventi che trattino le tematiche di genere.

 

Programma Attività previste dal progetto

 

 

  1. Attività sportiva di CALCIO DI STRADA (Grassroots)

per 2 volte a settimana per 8 mesi mesi per bambine/i e ragazze/i (modificare in 2 ore una volta a settimana!)
curata dagli istruttori qualificati della Scuola Calcio Elite della Vigor Calcio Femminile.


Di fatto la potenza del calcio passa e comincia da lì. Dalla strada, dove la passione incontra la spontaneità dei gesti, dove ingegno e astuzia si rivelano fondamentali per entrare nella lista dei vincenti ma dall’altro lato si apprende il vero significato della parola rispetto. La correttezza e l’onestà con l’avversario sono due di quei valori che provengono proprio dalla strada e non possono essere ignorati. Il calcio di strada è il calcio di tutti, il calcio per tutti. Per molti paesi del mondo come in America Latina il calcio di strada è una via di fuga dalla delinquenza, un’ancora di salvezza da un mondo buio e pieno di insidie, invece il nostro paese con l’arrivo della modernizzazione ha quasi totalmente cancellato gli aspetti più sani della vita quotidiana. Il dialogo, le relazioni personali si nascondono dietro ai social e così anche il calcio si arrende davanti alle logiche del profitto e del business faticando talvolta a ritrovarsi perché manca alla base l’aspetto più genuino di questo sport: il gusto del divertimento. La asd Vigor Calcio Femminile seguendo gli intendimenti e l’invito dell’UEFA, che richiama l’attenzione circa i modelli educativi a cui si devono riferire tutte le attività promosse, organizzate e praticate nei Settori Giovanili, cerca con questo progetto il “recupero” del calcio di strada (grassroots football), soprattutto come filosofia di fondo alla didattica applicata considerando il ruolo del calcio come agente efficace di integrazione sociale. Col calcio di strada giocato liberamente insieme da bambine e bambini si annulla ogni differenza sociale, etnica e religiosa.

  1. CENTRI ESTIVI

della durata di 2 settimane (dal 13 al 24 di giugno 2022) dal lunedì al venerdì in orario 9:00 – 17:00,

organizzati in 2 gruppi con 2 istruttori (1 per i bambini, 1 per i ragazzi):

Attività motorie 9-12 • Pausa pranzo 12-13 • Attività libera 13-14:30 • Attività ludico-ricreative, educative e laboratori 14.30-17

Durante l'emergenza COVID-19 la quotidianità dei ragazzi è stata a lungo caratterizzata da ipomotricità e mancanza di relazioni tra coetanei, per cui recuperare questi due aspetti è importante per il benessere sia fisico che psicologico.
A questo proposito saranno organizzati durante i centri estivi corsi di avvio alla pratica sportiva valorizzando le attività all’aperto, della durata di circa 2 settimane dal lunedì al venerdì in orario 9:00 – 17:00 rivolti ai bambini e ai ragazzi di tutte le classi delle scuole primarie e secondarie. Quotidianamente, sarà prevista un’articolazione chiara e ben definita delle attività, di cui i bambini e i ragazzi verranno resi partecipi anche attraverso cartelloni e altri supporti grafici (ad es. agenda visiva), così da renderli progressivamente più autonomi nell’organizzazione del tempo, degli spazi, delle risorse disponibili.

I momenti essenziali previsti all’interno di ciascuna giornata saranno:

  • Inizio delle attività: L'istruttore attende i bambini e li accompagna negli spazi individuati per lo svolgimento delle prime attività della giornata.

  • Attività motorie: La mattina verrà dedicata alle attività sportive orientate allo sviluppo delle competenze sociali ed emotive quali il calcio e l'equitazione, con una pausa-merenda tra le due attività:
  • calcio: si propone di insegnare il calcio in serenità, in un clima di allegria e spensieratezza. Il programma tecnico è costruito attorno alle parti essenziali dei fondamenti calcistici e prevede ogni giorno un obiettivo tecnico dominante attraverso esercitazioni che prevedono sempre l’uso del pallone. l ragazzi sono costantemente seguiti da istruttori qualificati della scuola Calcio Elite della Vigor Calcio Femminile e animatori, con una spiccata attitudine a stare in mezzo ai ragazzi. Sono previsti allenamenti specifici per i portieri.
  • equitazione: all'interno del maneggio Crazy Horse o direttamente presso il centro sportivo, (sono previsti 2 incontri a settimana per gruppo) i bambini, grazie all’aiuto di istruttori qualificati dell’associazione, impareranno a conoscere gli animali attraverso attività di pulizia del cavallo, sellaggio, imbrigliamento, esercizi di coordinazione, di postura, e comunicazione con il cavallo. Oltre a promuovere momenti all’aria aperta, a contatto con la natura, questa attività permetterà ai bambini di esprimere competenze emotive quali l’empatia e l'importanza di mettere i bisogni di qualcun altro al di sopra dei propri. L'interazione con gli animali sarà quindi fin da subito fortemente incoraggiata, in modo che i bambini e i ragazzi possano vivere esperienze di responsabilità, gentilezza e accudimento. Gli spazi di ascolto dei bisogni e del benessere degli animali saranno la base per educare i bambini al rispetto, alla pazienza, alla calma e sviluppare al contempo qualità come l’indipendenza e la responsabilità.
  • Pranzo: Il pranzo è al sacco e da portare da casa.
  • Attività libera. Particolare importanza viene data anche ai momenti di attività libera che rappresentano occasioni preziose di auto-organizzazione per i ragazzi, all'interno di giornate trascorse per la maggior parte in attività strutturate. In questi momenti i bambini/ragazzi possono usare liberamente gli spazi e gli strumenti presenti all’interno del servizio (palloni, corde ecc.) con la supervisione di un educatore. I momenti di attività libera offrono ai ragazzi l’opportunità di esprimere le loro competenze sia nella dimensione del gioco che in quella creativa, oltre a sviluppare capacità relazionali con i coetanei.
  • attività ludico-ricreative, attività educative e laboratorio inclusivo: La seconda parte della giornata verrà dedicata alle attività orientate allo sviluppo delle competenze sociali, emotive, cognitive dei bambini e dei ragazzi anche con l’utilizzo di linguaggi e metodologie diversi da quelle tradizionali.
  • Attività ludico-ricreative: Il gioco, sia quello libero che quello strutturato, offre importanti opportunità di crescita, favorendo l’espressione e lo sviluppo del carattere, la gestione delle emozioni, l’apprendimento spontaneo delle regole, l’autoregolazione e il rispetto reciproco. L'attività ludica inoltre crea le opportunità per sviluppare abilità e superare paure o timori nello sviluppo della relazione nei confronti dei coetanei e degli adulti-educatori.
  • Attività educative: gli educatori elaboreranno dei progetti legati a questioni relazionali, sociali e ambientali da sviluppare nel corso del centro estivo, stimolando riflessioni e dibattiti su come le tematiche trattate possano estendersi ad altri contesti, in particolare nelle relazioni con il prossimo.
  • Laboratorio inclusivo: tre volte a settimana saranno previsti dei laboratori inclusivi organizzati dall'Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti. Durante queste ore gli organizzatori dei laboratori utilizzeranno il gioco come principale strumento della relazione con l'altro, lasciando che questo, in particolare quello simbolico, rappresenti una modalità espressiva e comunicativa capace di abbattere ogni barriera. E’ in quest’ottica che, il nostro contributo prevede la realizzazione dei seguenti laboratori di sensibilizzazione:
    • Giochi sensoriali: momenti interattivi in cui sono privilegiati lo scambio e la dimensione esperienziale.
    • Pratica di sport adattati: in queste ore i bambini e i ragazzi potranno avvicinarsi alla pratica di uno sport e conoscere anche la realtà delle paraolimpiadi.
    • Danza e balli da sala: per conoscere il proprio ritmo interiore e sperimentare coordinazione e musicalità insieme
    • Musica inclusiva: un'occasione per avvicinarsi al linguaggio musicale con l'idea di risvegliare anche interessi o talenti.

  

  1. ATTIVITA’ SPORTIVA e MOTORIA aperta a tutti

(32 settimane per 1 ora 2 volte settimana per 3 attività):

Nell'ottica di una partecipazione dell'intera cittadinanza saranno organizzate attività sportive e motorie gratuite e aperte a tutti, al fine di facilitare il mantenimento o l’attivazione di dinamiche comunicative e relazionali positive, processi di sostegno reciproco tra i partecipanti e di scambio intergenerazionale. L’esperienza che intendiamo offrire consiste complessivamente in 3 gruppi di attività:

 

a. YOGA e POSTURALE

Le varie componenti dello yoga (posizioni statiche e dinamiche del corpo, tecniche di respirazione, rilassamento e concentrazione) possono offrire un importante contributo nell’educazione ad un corretto stile di vita e nella prevenzione dell’insorgenza di forme patologiche, favorendo il mantenimento di un sano equilibrio bio-psico-sociale. L’attività sarà guidata da un istruttore yoga qualificato che strutturerà le attività previste in base alle esigenze e alle caratteristiche specifiche del gruppo. In quest'ottica è previsto l’utilizzo di ausili (es. mattoncini, elastici, ecc.) al fine di venire incontro alle caratteristiche e alle condizioni fisiche dei partecipanti. All’inizio e al termine del corso i partecipanti saranno incoraggiati, attraverso modalità e strumenti di espressione verbale e non verbale, a valutare la propria condizione psico-fisica ed emotiva. L'attività di auto-valutazione ha lo scopo di favorire nei partecipanti l’esercizio della consapevolezza, necessaria all'attivazione delle risorse individuali in funzione del loro benessere e della loro crescita personale.

Lo Yoga infatti:

  • favorisce l'auto-conoscenza ed un rapporto sereno con i propri limiti attraverso un lavoro sulle resistenze fisiche e mentali che emergono durante il lavoro;
  • sviluppa le capacità di auto-ascolto e auto-osservazione attraverso l'attenzione al respiro e al proprio corpo;
  • permette di acquisire competenze personali di intervento e di gestione di stati di ansia, paura, emozioni negative, di stress attraverso il contatto con il respiro e le tecniche di rilassamento;

 

b. Pomeriggio IN FORMA – Attività motoria non agonistica

Il progetto intende incentivare anche l’attivazione di corsi di attività motoria non agonistica nelle ore pomeridiane (come ginnastica, total body ecc.) che possano promuovere l'importanza del tempo da dedicare alla cura del proprio corpo e del proprio benessere.

I corsi proposti avranno quindi i seguenti obiettivi:

  • Favorire il benessere psico - fisico attraverso la scoperta e il recupero delle proprie qualità motorie come la coordinazione, la resistenza, la scioltezza e l'acquisizione della corretta postura;
  • Facilitare dinamiche relazionali positive e processi di sostegno reciproco attraverso la pratica di attività in piccolo gruppo.

 c. VIGOROSE donne nel pallone - Dopocena CALCIO a 5

  • Sempre nell’ottica del calcio visto come sport per tutti, nasce la squadra delle Vigorose. Donne, mamme che dopo una giornata di lavoro, dopo aver sistemato casa e figli dedicano il dopocena alla loro passione comune: il gioco del calcio. Seguite accuratamente dagli istruttori della Vigor Calcio Femminile abili nel preparare anche dal punto di vista atletico un fisico nella fase non più giovane della vita, le Vigorose hanno la possibilità di divertirsi in allenamenti individuali, di gruppo e addirittura partecipare ad un campionato amatoriale di calcio a 5. Unendo così l’attività fisica a momenti di condivisione e divertimento di gruppo nello stare insieme.

  

  1. Incontri con esperti (centro EOS) su tematiche di genere.

Il progetto prevede la realizzazione di 4 incontri rivolti alle atlete dell’asd, agli operatori degli enti partner di progetto, alle famiglie e a tutta la comunità, la cui caratteristica principale sarà quella di integrare l’attività motoria con stimoli educativi e formativi orientati ad arricchire il bagaglio personale delle risorse emotive, psicologiche e relazionali. Il metodo che si vuole adottare è quello partecipativo: gli incontri perseguiranno un approccio aperto al dialogo e alla relazione, ed hanno lo scopo di offrire occasioni di informazione, riflessione e scambio di esperienze. I partecipanti saranno pertanto invitati a condividere ed a dare il loro contributo rispetto agli argomenti trattati. Gli Incontri affronteranno le seguenti tematiche:

  • 1° incontro - Gli stereotipi di genere (Tutela dei Minori)
  • 2° incontro - Bodyshaming e violenza di genere (cyberbullismo)
  • 3°incontro - Non solo mamme: la sessualità e la salute psico-emotiva della donna.
  • 4° incontro - Il rapporto di coppia

Alcuni incontri, come ad esempio quello dedicato agli stereotipi di genere, possono prevedere anche la partecipazione di gruppi di bambini, che saranno coinvolti in attività specifiche su questa tematica. Questi incontri nascono inoltre come  catalizzatori capaci di formare nuovi gruppi che possano contribuire a creare benessere nella collettività instaurando nuove relazioni di dialogo e sostegno reciproco.

Da integrare col Programma di Informazione della nostra Scuola Calcio Elitè:

Lunedi 13 Dicembre 2021
- Il Regolamento di Gioco nelle specifiche categorie; l’Autoarbitraggio e il Dirigente Arbitro – Rappresentante AIA


Lunedi 10 Gennaio 2022
- Stile di Vita e Sana Alimentazione – Dott.ssa Martina Barbieri


Lunedi 14 Febbraio 2022
- Il ruolo della Famiglia nel rapporto società – giocatrice – Dott.Roberto Manetti


Lunedi 14 Marzo 2022
- Infortuni nella giovane calciatrice: le precauzioni, la prevenzione. – Dott.ssa Azzolini Valentina oppure Università di Bologna

 

Elementi e attività caratterizzanti il progetto

Le attività previste dal progetto vengono svolte all’interno del Centro Sportivo Vigor Calcio Femminile situato nella frazione di Troghi del Comune di Rignano sull’Arno, nato, progettato “tutto al femminile”, e portato avanti da soci e istruttori qualificati della asd Vigor Calcio Femminile con quelle particolari caratteristiche, attenzioni ed esigenze che mettono in primo piano la pratica sportiva per tutte le donne.  A tutti gli effetti benefici dello sport, nel calcio femminile si aggiunge dunque la possibilità di sperimentare quel gioco di squadra, anche con i maschi, così importante per realizzare la possibilità di una società più equa e orientata al superamento degli stereotipi di genere.

I punti di forza del progetto, a nostro avviso, sono:

  • La visione del partenariato di progetto come parte attiva nello sviluppo della comunità educante territoriale e della corresponsabilità nel contrasto alle povertà educative.
  • La collaborazione con le cooperative sociali che gestiscono i servizi educativi e assistenziali sul territorio per facilitare l’inserimento e l’integrazione di bambini, ragazzi, adulti e anziani con fragilità e con disabilità; per valorizzare la pratica di valori condivisi. Questi soggetti potranno anche curare la realizzazione di interventi educativi, all’interno delle attività progettuali dedicate alle tematiche di genere.
  • La collaborazione con il Centro Eos per integrare le competenze di allenatori e dirigenti sportivi sui temi della gestione della relazione educativa con il minore e la famiglia, sulle problematiche legate ai disturbi del comportamento alimentare e disabilità.
  • La valorizzazione del centro sportivo come opportunità di relazione e come contesto di formazione etica, crescita personale e riconoscimento dei valori (rispetto degli altri, accettazione della sconfitta, ecc.) per rinnovare la funzione sociale e relazionale dello sport e favorire la pratica sportiva indipendentemente dai livelli di prestazione
  • L’attenzione alla cura della preparazione atletica e della pratica sportiva delle bambine / ragazze integrandola con valori socio-educativi e di empowerment femminile.

 Monitoraggio

L'azione di monitoraggio permetterà di valutare l’efficienza, l’efficacia e la sostenibilità del progetto, individuando, se necessario, interventi correttivi in itinere, secondo un approccio orientato al miglioramento continuo.

Il monitoraggio sarà condotto su tre livelli:

1) rispetto alla quantità e qualità degli interventi messi in atto;

2) rispetto all’impatto del progetto nel contesto sociale;

3) rispetto all’andamento dei percorsi di inserimento di giovani in situazioni di fragilità psico-sociale.  

 

Il monitoraggio rispetto alla quantità e qualità degli interventi prenderà in esame una serie di indicatori prestabiliti (tra cui rispetto del cronoprogramma; numero e qualità delle risorse umane impiegate; numero reclami/non conformità rilevate; sufficienza delle risorse materiali, tecniche e finanziarie ipotizzate; numero di minori coinvolti; numero partecipanti complessivi coinvolti, ecc.), valutati quadrimestralmente mediante check-list ed analizzati all’interno degli incontri periodici tra i partner del progetto.

Il monitoraggio rispetto all’impatto del progetto avverrà attraverso un’indagine quali-quantitativa, con un questionario consegnato ai partecipanti e agli operatori di progetto a inizio e fine dei percorsi, che avrà l’obiettivo di registrare la loro percezione riguardo al grado di “inclusività” delle attività messe in atto e dell’attività sportiva in generale.

Il monitoraggio rispetto all’andamento dei percorsi di inserimento di giovani fragili avverrà con la modalità della verifica in equipe, coordinata dai servizi sociali territoriali e degli eventuali specialisti (educatori, psicologi, figure sanitarie ecc.) coinvolti.

 

Comunicazione

 

L'azione di comunicazione è finalizzata a garantire, da un lato, la massima diffusione di informazioni sulle attività così da promuovere il coinvolgimento dei partecipanti e, dall’altro, la promozione delle opportunità generate dal progetto in relazione agli obiettivi progettuali, sia all’esterno che all’interno della rete. Per valorizzare l’identità progettuale verrà garantita, in ogni prodotto elaborato, la riconoscibilità del progetto e dell’ente finanziatore, tramite apposizione del logo.

All’avvio del progetto verrà convocato un incontro di pianificazione dell’attività di comunicazione tra i partner, individuando obiettivi, azioni, mezzi e tempi dell’azione.

Considerata la dimensione territoriale dell’iniziativa, verrà curata anche la comunicazione e il coinvolgimento diretto dei principali attori e portatori di interesse della comunità locale, attraverso l’organizzazione di un evento di presentazione dell’iniziativa.

Prevediamo inoltre l’utilizzo dei social network più diffusi (Instagram, Twitter e Facebook) e, almeno 2 volte nel corso dello svolgimento del progetto, l’elaborazione di comunicati stampa rivolti ai media (giornali, televisione e radio) locali e regionali.

L’ASD e i partner metteranno a disposizione pagine dedicate al progetto nei propri siti web.

 

 

 

Partner e Collaborazioni

 

PARTNER ISTITUZIONALI

 

COMUNE DI RIGNANO SULL’ARNO

Ruolo e compito nella realizzazione del progetto:

Individuazione degli anziani fragili, dei minori anche con disabilità in carico al servizio sociale da inserire nelle attività dedicate nel progetto

 

ISTITUTI SCOLASTICI in ambito PCTO

La definizione dei Percorsi per il conseguimento di Competenze Trasversali e per lo sviluppo della capacità di Orientarsi nella vita personale e nella realtà sociale e culturale è stata definita con chiarezza dalle linee-guida formulate dal MIUR, che modificava in parte l’alternanza scuola-lavoro, così come definita dalla legge 107/2015. La normativa attualmente in vigore, infatti, stabilisce in 210 ore la durata minima triennale dei PCTO negli istituti professionali, 150 nei tecnici e 90 nei licei, condizione per l’ammissione agli esami di Stato. I percorsi vengono inquadrati nel contesto più ampio dell’intera progettazione didattica, chiarendo che non possono essere considerati come un’esperienza occasionale di applicazione in contesti esterni dei saperi scolastici, ma costituiscono un aspetto fondamentale del piano di studio.

 

Ruolo e compito nella realizzazione del progetto:

Programmazione e gestione delle iscrizioni insieme alla Segreteria della asd Vigor Calcio Femminile per le attività sportive e educative in programma

Accompagnamento agli Istruttori e supporto educativo dei minori nelle attività sportive settimanali (Calcio di Strada – Grassroots)

Accompagnamento agli Istruttori e supporto educativo dei minori nella programmazione e nello svolgimento dei Centri Estivi

 

PRESENTAZIONE ALTRI PARTNER:

GIOVANI VALDARNO è una cooperativa sociale che si occupa della progettazione e gestione di servizi socio-assistenziali, socio-sanitari, educativi e formativi. Come indicato dal suo nome, la società è profondamente legata al territorio valdarnese, dove opera da oltre quarant’anni ispirando la propria azione ai principi di solidarietà, sussidiarietà e responsabilità sociale. Attraverso i servizi gestiti, la società ha cercato, nel tempo, di apportare valore alla vita sociale ed economica della comunità, promuovendo occupazione, favorendo lo sviluppo di sistemi di protezione sociale e di azioni di advocacy, facilitando lo sviluppo di modelli innovativi nei servizi alla persona e l’interazione tra servizi e comunità. Nel corso degli anni l’azione della società si è orientata sempre più allo sviluppo di una progettualità di sistema caratterizzata, da un lato, da una continua azione di ascolto, ricerca e analisi dei bisogni sociali emergenti così da offrire nella comunità servizi sempre più qualificati e personalizzati, e, dall’altro, da una continua riflessione sulle strategie organizzative e gestionali, per stabilire un legame sempre più virtuoso tra i livelli di progettazione, pianificazione, organizzazione e controllo di gestione dei servizi, nell’ottica del miglioramento continuo.

Ruolo e compito nella realizzazione del progetto:

Accompagnamento e supporto assistenziale degli anziani in carico ai servizi sociali

Fornitura operatori di sostegno ai beneficiari diversamente abili e fragili

Attività di assistenza agli anziani fragili

 

L’INCHIOSTRO è una cooperativa sociale costituita nel luglio 1999 da cittadini residenti nel territorio del Valdarno Fiorentino desiderosi di condividere un’esperienza di impegno e di responsabilità in un’attività lavorativa autonoma. Ha voluto raccogliere e sviluppare l’esperienza dell’associazione di volontariato omonima che, dalla costituzione nel febbraio 1996 (registrazione nell’albo regionale delle associazioni di volontariato con decreto del Presidente della Giunta Provinciale di Firenze nel giugno 1997), aveva iniziato la propria attività elaborando dei progetti fortemente legati al territorio di appartenenza dei propri soci: il Valdarno Fiorentino. Propone e gestisce percorsi educativi rivolti all’infanzia e all’adolescenza. e concentra gran parte della propria attività nello svolgimento di servizi educativi scolastici ed extrascolastici, doposcuola, spazi gioco e centri estivi in convenzione con gli Enti Pubblici del territorio. L’Inchiostro è un luogo di condivisione, di scambio e di confronto che si pone al servizio della Comunità locale nella ricerca e nella realizzazione di soluzioni concrete ai bisogni fondamentali delle persone. Opera per affermare i principi di solidarietà sociale e di rispetto per le differenze. La cooperativa agisce per favorire l’inclusione sociale, promuovere la cittadinanza attiva e la responsabilità sociale. L’attività della cooperativa si orienta al miglioramento della qualità della vita e alla promozione del benessere di minori, adolescenti e di tutte le persone in situazioni di handicap, di disagio psico-fisico e socio-culturale.

Ruolo e compito nella realizzazione del progetto:

Accompagnamento e supporto educativo dei minori in carico ai servizi sociali

Fornitura operatori di sostegno ai beneficiari diversamente abili e fragili

Programmazione e gestione delle attività educative

Supporto educativo ad allenatori, tecnici e istruttori

 

Il CENTRO EOS si occupa di psicopatologia dell'infanzia, dell'adolescenza e dell'adulto. Si pone come supporto concreto alla persona per la promozione del benessere psicologico attraverso interventi ed attività di tipo psicologico, psicoterapeutico, neuropsicologico, riabilitativo, medico, informativo e formativo. Attraverso le proprie attività, il Centro sostiene l'individuo durante il ciclo di vita, incoraggiando lo sviluppo e la crescita personale e favorendo un'integrazione nel proprio contesto di appartenenza. l Centro si avvale della collaborazione di un'équipe multidisciplinare di professionisti, iscritti ai rispettivi albi degli Ordini professionali, che ne attestano la competenza. Il Centro EOS è accreditato dalla Regione Toscana per la certificazione dei Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSAp), Decreto n.911 del 7 Marzo 2016

Ruolo e compito nella realizzazione del progetto:

Supervisione tecnico-scientifica del progetto

Svolgimento attività di formazione sui temi educativi ad allenatori, tecnici, istruttori, genitori

Svolgimento attività di sensibilizzazione sulle problematiche legate al percorso di crescita personale dei partecipanti al progetto

 

L'UNIONE ITALIANA CIECHI ED IPOVEDENTI ha come sua missione l'integrazione delle persone non vedenti ed ipovedenti in tutti gli ambiti della società. Per perseguire questo obiettivo è indispensabile offrire a persone estranee alla disabilità visiva l'opportunità di venire a conoscenza delle implicazioni derivanti dal deficit visivo, grave o totale. Favorire la conoscenza permette di attuare un’operazione a livello culturale, abbattendo la discriminazione ed i pregiudizi, purtroppo molto diffusi ai nostri giorni; il contatto con la diversità stimola inoltre, in tutti e in ciascuno, la possibilità di una crescita emotiva e di consapevolezza.

Ruolo e compito nella realizzazione del progetto:

Laboratori ed attività sensoriali di sensibilizzazione dei partecipanti ai Centri Estivi sulla disabilità, in particolare quella visiva

 

L’ASD CRAZY HORSE EQUITAZIONE organizza lezioni e passeggiate a cavallo. in particolare si dedica alle attività di avvicinamento all’equitazione con i bambini dai 3 ai 16 anni. Attraverso i 10 pony di diversa altezza tutti di indole calma e amichevole a disposizione organizza giri condotti a mano da un istruttore sia per lezioni in piano o pony games. Ogni lezione è incentrata a sviluppare la capacità di equilibrio ed agilità tramite giochi ed esercizi che vengono effettuati in totale sicurezza. Allo stesso tempo viene insegnato ad avere cura e rispetto gli animali. Vengono svolte anche passeggiate con il pony nel bosco condotto a mano da un istruttore. l’asd organizza anche i centri estivi da Giugno a Settembre e d'inverno nel periodo di chiusura delle scuole. Le attività sono tutte collegate al mondo del cavallo, degli animali e della vita di fattoria. Ai bambini vengono insegnate in totale sicurezza la gestione e la cura del cavallo (pony), inclusi pulizia, sellaggio e nozioni sull'alimentazione. I bambini imparano a cavalcare i pony - che vengono assegnati in base all'età ad all'altezza - attraverso giochi ed esercizi in un ambiente sereno, amichevole ed immerso nel verde.

Ruolo e compito nella realizzazione del progetto:

Programmazione e gestione delle attività di avvicinamento all’equitazione durante i Centri Estivi.

 

a.s.d. VIGOR Calcio Femminile
Sede Sociale
Via U.Terracini snc - Loc. Troghi
50067 RIGNANO SULL'ARNO (Firenze)
Tel: 339 6679269 - Fax 055 8349662

© 2018 a.s.d. VIGOR. All Rights Reserved.

Centro Sportivo VIGOR
via U. Terracini snc - Loc. Troghi RIGNANO SULL'ARNO (FI)

Stadio "G. Impastato"

Matricola FIGC: 937987
Registrazione CONI: FIGC 209526
Codice Fiscale: 06082980480

Cerca